Piscine-regole
Homecontattiservizi tecniciportfolio

 

Home 
Piscine-storia 
Piscine-regole 
piscine - requisiti 

 

 

 

Piscine Tuffi>Piscine-regole

 

Speciale impianti per tuffi

 

Caratteristiche tecniche

  

 english version  

 

 

 

 

 

 

Facilities Rules (FR)  dal Regolamento FINA 2009-20013

 

Oltre alle regole generiche che una buona progettazione prevede per gli impianti sportivi, La FINA (federazione Internazionale di nuoto) ha elaborato una serie di disposizioni che sono quì riportate sinteticamente.

Tali regole sono intese per fornire il migliore ambiente possibile per l'uso di allenamento e di gare. Tali regole non sono intese a gestire le manifestazioni dei grandi eventi pubblici. E' responsabilità del proprietario o del gestore dell'impianto di fornire indicazioni sul controllo di attività per il grande pubblico.

 

Schema dimensioni FINA  

 

 

Requisiti generali (FR 5.3)

 

 

 

FR 5.3.1

Per le piscine progettate e costruite dopo marzo 1991, le dimensioni minime in metri di impianti per i tuffi, come esposto in dettaglio nella tabella “Dimensioni FINA per impianti di tuffi” e nel “diagramma per impianti di tuffi”, devono prevalere, usando come punto di riferimento di base la linea a piombo, che è una linea verticale che passa attraverso il punto centrale della parte anteriore della piattaforma o trampolino. Si raccomanda di utilizzare le misure preferenziali per gli impianti più importanti. Regolamento Tuffi - FINA 63

FR 5.3.2

Le dimensioni C dalla verticale a piombo, da una piattaforma all’altra, nella “Tabella FINA delle dimensioni per impianti di tuffi” si applicano a piattaforme con larghezze come in dettaglio nella regola FR 5.2.2. Se le larghezze delle piattaforme vengono aumentate, le dimensioni C devono essere maggiorate della metà della dimensione aggiunta.

FR 5.3.3

L’altezza sopra il livello dell’acqua dei trampolini e di ciascuna piattaforma, può differire di 0.05 metri in più ma di 0.00 metri in meno, dalle altezze descritte nelle regole.

FR 5.3.4

La parte terminale anteriore di una piattaforma di 5 metri non deve sporgere oltre la parte distale dei trampolini di 3 metri.

FR 5.3.5

Nella zona di massima profondità dell’acqua il pavimento della piscina può risalire del 2%. Nella piscina dei tuffi la profondità dell’acqua non deve in nessun punto essere inferiore a 1.80 metri.

FR 5.3.6

Si consiglia di orientare nelle piscine scoperte, nell’emisfero nord i trampolini e le piattaforme verso nord e nell’emisfero sud verso sud.

FR 5.3.7

L’illuminazione minima, a un livello di 1 metro sopra la superficie dell’acqua, non deve essere inferiore a 600 lux.

FR 5.3.8

Sorgenti di luce naturale e artificiale devono essere dotate di controlli che prevengono l’abbagliamento.

FR 5.3.9

La temperatura dell’acqua non deve essere inferiore a 26° Celsius.

FR 5.3.10

Un sistema meccanico di agitazione dell’acqua deve essere installato sotto le installazioni di tuffi per aiutare i tuffatori nella percezione visiva della superficie dell’acqua. Nelle piscine dotate di un sistema sommerso di agitazione della superficie (macchina delle bolle), questo deve essere

utilizzato soltanto se, funzionando ad una pressione veramente bassa, provoca una sufficiente agitazione, altrimenti deve essere utilizzato solamente un sistema di schizzi di acqua orizzontali.

 

  

 

Tuffi dal trampolino (FR 5.1)

 

FR 5.1.1

I trampolini devono avere almeno una lunghezza di 4.8 metri e una larghezza di 0.5. A tutte le manifestazioni FINA il tipo di trampolino deve essere indicato dalla FINA stessa.

 

FR 5.1.2

I trampolini devono essere ricoperti con una superficie antisdrucciolevole soddisfacente

 

FR 5.1.3

I trampolini devono essere provvisti di fulcri mobili facilmente regolabili da parte dei tuffatori.

 

FR 5.1.4

La distanza verticale dalla piattaforma su cui è installato il fulcro del trampolino alla superficie superiore del trampolino stesso deve essere 0.365 metri. La distanza dalla parte anteriore della struttura del fulcro (che è 0.676 m lungo) alla parte anteriore della piattaforma che lo sostiene, non deve superare un massimo di 0.68 m. Se la parte anteriore della piattaforma sporgesse oltre questo limite allora la superficie deve poi degradare con un angolo di 1 verticale e 3 orizzontali.

 

FR 5.1.5

La distanza minima dalla parte posteriore del trampolino al fulcro in posizione centrale deve essere indicato dal costruttore del trampolino

 

FR 5.1.6

I trampolini devono essere installati a livello 0 cioè orizzontali, nella parte anteriore, con il fulcro in tutte le posizioni.

 

FR 5.1.7

I trampolini devono essere piazzati da un lato o da ambo i lati della piattaforma. Per i tuffi sincronizzati, è preferibile avere almeno due trampolini della stessa altezza, uno a fianco all’altro, senza oggetti che potrebbero impedire la vista fra i tuffatori da un trampolino all’altro anche solo per una parte del tuffo.

 

 

 

Tuffi dalla piattaformai (FR 5.2)

  

FR 5.2.1

Ciascuna piattaforma dovrà essere rigida e orizzontale.

FR 5.2.2

Le dimensioni minime delle piattaforme dovranno essere:

Regolamento Tuffi - FINA 59

per alt. 0.6 m a 1.0 m, larghezza 0.6 m e lunghezza 5.0 m

per alt. 2.6 m a 3.0 m, larghezza 0.6 m (preferito 1.5 m) e lungh. 5.0 m.

per l’altezza di 5.0 m, larghezza 1.5 m e lunghezza 6.0 m

per l’altezza di 7.5 m, larghezza 1.5 m e lunghezza 6.0 m

per l’altezza di 10.0 m, larghezza 3.0 m e lunghezza 6.0 m

Per piattaforme da 10 m con una larghezza inferiore ai 3 m, una modifica alle ringhiere, su ciascun lato per una profondità di almeno 3.0 m all’indietro

dalla parte frontale della piattaforma, può essere adottata come nel dettaglio del disegno al lato. Si raccomanda di montare una parte di ringhiera facilmente rimovibile, per un uso generale, che potrà essere poi tolta per effettuare i tuffi sincronizzati (vedi diagramma).

FR 5.2.3

Lo spessore preferito della parte frontale della piattaforma deve essere 0.2 m ma non superiore a 0.3 m e può essere verticale o inclinato con un angolo non oltre i 10°, internamente alla verticale.

FR 5.2.4

La superficie e la parte anteriore della piattaforma devono essere coperte fino in fondo con una superficie elastica, antiscivolo. Le due superfici devono essere coperte separatamente per permettere uno spigolo netto di 90° o come descritto nella regola FR 5.2.3.

FR 5.2.5

La parte anteriore delle piattaforme di 10.0 metri e di 7.5 metri deve sporgere almeno 1.5 m oltre il bordo sottostante della piscina. Per le piattaforme di 2.6 m – 3.0 m e 5.0 m una proiezione di minimo 1.25 m è accettabile, e per quelle di 0.6 m – 1 m una sporgenza di 0.75 m è accettabile.

FR 5.2.6

Quando una piattaforma si trova direttamente sotto un’altra, quella superiore deve sporgere almeno 0.75 m (meglio 1.25 m) sulla piattaforma sottostante. 60 - Regolamento Tuffi - FINA

FR 5.2.7

Il retro e i lati di ciascuna piattaforma (eccetto la piattaforma da 1.0 m) devono essere circondati da ringhiere la cui area libera è di 1.80 m tra i lati paralleli. L’altezza minima deve essere 1.0 m e almeno due montanti fissati esternamente alla piattaforma iniziando 0.8 m dalla parte anteriore della piattaforma.

FR 5.2.8

Ciascuna piattaforma deve essere accessibile da scalette adeguate (non a pioli).

FR 5.2.9

È preferibile non costruire una piattaforma direttamente sotto una qualsiasi altra.

FR 5.2.10

Requisiti della struttura di supporto. Per le piattaforme e le strutture di supporto dei trampolini il carico progettuale è P = 350 kilopond (forza in chilogrammi) a metro lineare. In aggiunta ai requisiti statici e per il conforto e la sicurezza dell’utente, tenendo conto dell’oscillazione del castello di tuffi e considerando le strutture di sostegno di piattaforme e trampolini, devono essere rispettati i seguenti limiti:

Frequenza fondamentale delle piattaforme 10.0 Hz

Frequenza fondamentale del castello di tuffi 3.5 Hz

Oscillazione della struttura globale 3.5 Hz.

La deformazione spaziale della parte terminale delle piattaforme come risultato di Px = Py = Pz = 100 chilopond (forza in chilogrammi) deve raggiungere un massimo di 1 mm (vedi disegno). Questi requisiti sono raggiungibili più facilmente da una struttura rinforzata in cemento. La comprova del comportamento dinamico è da allegare ai calcoli statici della struttura totale.

 

 

 

 

 

 

  Regolamento FINA tuffi 2009/2013  

[Home][Piscine-storia][Piscine-regole][piscine - requisiti]

Studio Architetto Polazzo

 

Copyright(c) 2007-2008 - Tutti i diritti riservati.
info@studiopolazzo.it